RITUALE DELLA NOTTE

Sonetteggiando

(Sonetto 3)

Tra le pieghe raggrinzite del lenzuolo
Che copre l’incastro delle gambe piegate
Per mantenere l’incontro come in volo,
Scovo nel covo segreto dita già esplorate.

Tra le ombre più invisibili della stanza
Che cela il fiato dalle bocche liberato
Per custodirne l’eco nella mancanza,
Scopro nel buio un profilo già contemplato.

Tra le pieghe raggrinzite, il mio dito
Sul tuo palmo. Ricalco le strade che
Come abito danno al tuo corpo adito.

Tra le ombre più invisibili, il mio sguardo
Sul tuo zigomo. Inseguo le linee che
Con riguardo rendono il viso mai bugiardo. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...